La metropolitana di superficie collega senza cambi le zone est e ovest di Bologna

Treno POP ph Comune Bologna

Nuove corse, meno cambi di treno e risparmio di tempo: il Servizio Ferroviario Metropolitano bolognese si evolve e si candida a diventare una vera e propria metropolitana di superficie per tutta la comunità bolognese, aumentando l’offerta e collegando più facilmente la zona est a quella ovest della città, il capoluogo alla montagna.

Ora è attiva la prima linea passante Porretta-Pianoro (SFM1), che prevede il prolungamento della corsa dei treni provenienti da Porretta e Marzabotto, fino a Pianoro, dopo la sosta a Bologna con un risparmio di tempo di oltre mezz’ora per chi viaggia da Porretta a Pianoro (1h40 rispetto alle 2h10 attuali).

Dal 10 giugno sono iniziati i lavori di potenziamento sulle linee Bologna-Prato e Bologna-Vignola da parte dei gestori dell’infrastruttura Rfi e Fer. I lavori di adeguamento tecnologico delle linee comportano alcune autosostituzioni per cui la piena funzionalità e cadenza oraria sarà pienamente operativa da settembre.

Il nuovo servizio passante, progettato anche in collaborazione con Rfi, sarà realizzato da Trenitalia Tper con i nuovi treni Pop e Rock.

Il potenziamento è parte dell’accordo tra Regione Emilia-Romagna, Comune e Città metropolitana di Bologna.

Le caratteristiche del nuovo sistema SFM1

Il nuovo Servizio metropolitano andrà a regime gradualmente dal 9 settembre.

Tra Casalecchio di Reno e Pianoro prevede fino a quattro treni all’ora per senso di marcia di cui due passanti ovvero diretti, senza cambio di treno in Stazione Centrale.

Per le linee Vignola-Bazzano-Bologna e Prato-S. Benedetto Val di Sambro-Bologna sono previste fino a due corse all’ora di treni che terminano a Bologna.

I nuovi treni diventano quindi un mezzo di trasporto valido anche per spostarsi in città senza cambi tra le varie stazioni. Per esempio, è ora possibile spostarsi dalla stazione Mazzini a Borgo Panigale, con un treno ogni mezz’ora.

Anche chi vive o lavora fuori Bologna trae vantaggi dal nuovo sistema passante: per es. chi vive o lavora a Casalecchio può ora raggiungere la zona Mazzini direttamente in treno così come chi vive o lavora a Pianoro può arrivare direttamente fino a Borgo Panigale.

Il nuovo passante SFM1 prevede un’intensificazione dell’attuale servizio rendendo i servizi del sabato uguali a quelli degli altri giorni feriali. Quindi i treni passanti dal lunedì al sabato hanno una frequenza di un treno ogni mezz’ora. La sera e la domenica la frequenza è ridotta a un treno ogni ora.

Fermate

Nell’area urbana di Bologna tutti i treni fermano a Casalecchio di Reno, Casalecchio Garibaldi, Casteldebole, Borgo Panigale, Bologna Centrale, Bologna San Vitale, Bologna Mazzini, Bologna San Ruffillo e Rastignano.

Nell’area urbana di Bologna valgono i comuni biglietti urbani TPER.

Le agevolazioni tariffarie: a Bologna servizio gratuito per gli abbonati ai bus Tper
Con Mi Muovo anche in città, tutti gli abbonamenti ferroviari Trenitalia Tper su rete Rfi, caricati su card Unica, che abbiamo origine o destinazione Bologna Centrale, sono già integrati ed è quindi è possibile utilizzare gratuitamente gli autobus dell’area urbana di Bologna, oltre a potersi muovere fra le stazioni ferroviarie della stessa area urbana.

Anche gli abbonamenti bus di Tper che abbiano come origine o destinazione Bologna, permettono l’uso delle stazioni ferroviarie della stessa area urbana.

Inoltre, gli abbonamenti bus extraurbani Tper permettono anche l’utilizzo indifferenziato dei servizi ferroviari su rete Fer, per la tratta indicata nell’abbonamento, sulle direttrici Bologna-Vignola e Bologna-Portomaggiore.

Per chi utilizza il biglietto di corsa semplice è possibile acquistare a 1,80 euro (anziché 3 euro) il biglietto Mi Muovo City più Ticket, con validità 75 minuti, che consente di utilizzare sia gli autobus Tper che i servizi ferroviari regionali Trenitalia Tper o Tper all’interno dell’area Urbana di Bologna.